Vecchio Ponte di ArsiéLocalità: Arsié

Indirizzo: estremità sudorientale del territorio Comunale, raggiungibile percorrendo la vecchia strada che conduce a località Giaroni (Fonzaso)

Descrizione. Il Vecchio Ponte di Arsié merita una visita perché da esso si può ammirare il Lago di Corlo verso sudovest, e da qui le pendici del Monte Grappa a sud e il Monte Novegno a nord danno allo specchio d'acqua le sembianze di un vero e proprio fiordo norvegese. Il traffico sul ponte è molto diminuito da quando, nel 2004, sono state ultimate le gallerie e il nuovo ponte che passa sopra al Torrente Cismon, perciò questa strada è diventata molto più gradevole per i ciclisti e per i pedoni.

La storia del Vecchio Ponte di Arsié meriterebbe un romanzo che parlerebbe di crolli e ricostruzioni. Se ne fa cenno per la prima volta nel 1389, quando il percorso stradale Feltre-Arsié-Primolano-Trento era la principale via di comunicazione tra Venezia e il Centro Europa. Il problema di sempre, dopo le calamità, era chi doveva ricostruire e chi doveva pagare. Nel contenzioso erano puntualmente coinvolti Feltre, che comandava, e Arsié, che più di ogni altro paese limitrofo doveva soccombere.

Il ponte crollò completamente nel 1521, nel 1550 e nel 1633, anno in cui fu provvisoriamente sostituito da una passerella, il che ebbe come conseguenza il dirottamento dei traffici per la Germania che presero la via di Bassano-Primolano-Trento con pesanti ripercussioni sull'economia locale.

Nel 1785 cominciarono finalmente i lavori di ricostruzione del ponte, completato nel 1788, subito spazzato via nel 1789, rifatto e ancora una volta crollato per la furia delle acque nel 1845.

Il ponte fu di nuovo rifatto e portato via nel 1882. Nel 1916, durante la Prima Guerra Mondiale, gli austriaci lo riattivarono per le loro esigenze belliche, ma nel 1918, in piena ritirata, lo fecero saltare.

Tra il 1923 e il 1925 fu costruito l'attuale Ponte Vecchio di Arsié sul Torrente Cismon, in muratura a tre arcate, per uno sviluppo di 106,5 metri, ponte che fu poi ritoccato e rinforzato nel 1954 in occasione dell'entrata in servizio della diga sul Lago di Corlo. (Fonte:Calendari dell'Auser - Sezione di Arsié)

Cerca nel Sito