Località: Arsié

Indirizzo: Via Primo Maggio, Arsié

Descrizione. La valle, secondo alcuni, deve il suo nome al fatto che fino a circa la fine dell''800 i carri che provenivano da Feltre, una volta oltrepassato il Torrente Cismon, dovevano aggiungere un cavallo e salire in coppia (cubia) fino al ponte di San Michele. Il torrentello, nel trascorrere dei secoli, ha cambiato più volte il suo corso.

Infatti il cumulo di materiale sedimentario che forma il canoide compreso fra l'ex casa cantoniera di Arsié e la valle di Cassanel sta a dimostrare quanto ampio fosse l'arco entro il quale il torrente scavò in direzioni diverse il suo letto. Le cronache parrocchiane parlano, anche se in modo un po' confuso, degli ingenti danni provocati in località Campian dalle alluvioni a catena che si verificarono verso la metà del '600.

La Cubia straripò anche nel 1772, quando venne allagata tutta la piana del Lag. A cavallo tra gli anni 1920-30 finalmente fu costruita una serie di robusti muraglioni o Murazzi allo scopo di contenere l'impeto delle piene ed evitare l'erosione delle pareti franose. L'opera fu completata con la messa a dimora di robinie e di altre piante. Fu questo un grosso intervento da parte dello Stato, coronato da pieno successo. Infatti, a memoria d'uomo, l'alveo del torrente visto dal ponte di San Michele, allora in legno di colore rosso, si presentava completamente nudo: solo sabbia, ghiaia ed enormi massi, il tutto di un colore caffelatte chiaro, senza nemmeno un arbusto su fino alle ultime case di Soras (oggi contrada di Rivai).

Ora le sponde della valle sono di un verde intenso, e le radici della macchia e degli alberi di alto e medio fusto, fissando saldamente il terreno, sono garanzia di sicurezza tanto per la popolazione quanto per l'ambiente. (Fonte: Calendari dell'Auser - Sezione di Arsié)

Cerca nel Sito