Chiesa di MellameLocalità: Mellame

Indirizzo: Piazza San Martino 1, Mellame

Descrizione. Di origine ignota, ma certamente molto antica, la Chiesa di Mellame è dedicata a San Martino Vescovo. Fu cappella della Pieve di Arsié fino al 1535, anno in cui si separò dalla matrice, avendo ottenuto dal Vescovo di Padova un cappellano per celebrare la Messa e aver cura delle anime. Nel 1718 la popolazione chiese ed ottenne la fonte battesimale. Fino a quella data i neonati venivano battezzati nella Chiesa di Arsié

Nell'agosto del 1918 una granata delle artiglierie italiane del Grappa abbatté il campanile che, cadendo sulla Chiesa, provocò il crollo del soffitto, che fu rifatto e abbellito nel 1921 con un dipinto raffigurante San Martino che dona a un povero il suo mantello, del bresciano A. Benettini con la collaborazione del Prof. Emilio Tonin di San Vito. Nel 1931 gli emigranti di Mellame finanziarono la realizzazione della nuova balaustra in marmo bianco, poi mossa e collocata davanti al battistero.

La Chiesa conserva uno dei più raffinati esempi di scultura lapidea rinascimentale del Feltrino, ossia un pregevole tabernacolo inquadrato lateralmente da due candelabri e sovrastato da un delicato bassorilievo dell'Annunciazione. Frontalmente, sulla parete di destra, figura inoltre un prezioso Crocifisso che si ritiene sia opera di Andrea Brustolon. Sull'altare a sinistra di chi entra in Chiesa, giù dal presbiterio, è posta la statua di Santa Barbara tra Santa Agnese e Santa Lucia. E nella cappella di fronte fa ella mostra una pregevole tela del Marascalchi che rappresenta, fra San Martino e San Giovanni Battista, la Madonna del Carmine col Bambino Gesù. (Fonti: Tesori d'Arte nelle Chiese del Bellunese di Tiziana Conte; Calendari dell'Auser - Sezione di Arsié)

Cerca nel Sito