Arsié presenta un ambiente naturale che merita di essere esplorato a fondo. Il Lago di Corlo si pone al centro di una grande macchia verde che in primavera si colora con le foglie gialle e bianche degli alberi nei boschi che imperano sulle opere dell'uomo. 


Primo giorno. Seguite l'itinerario proposto nel Tour del Lago.

Secondo giorno (a piedi). Scegliete un'altro percorso che parte dal Lago di Corlo. Potreste salire fino a Monte Fredina oppure visitare le vecchie borgate di Rocca dalle quali è possibile guardare il lago dall'alto. Imperdibile è inoltre il panorama che si ammira da La Forzeleta, il cui itinerario prevede il ritorno lungo la magnifica Val Carazzagno. Dalla frazione di Incino è inoltre possibile raggiungere San Vito lungo un sentiero che propone viste sulla Valsugana e una palestra di roccia nascosta su un pendio molto suggestivo. 

Terzo giorno (a cavallo o in mountain-bike). Dedicate la giornata al Monte Novegno e alle sue molteplici viste panoramiche, dalla strada che sale dal capoluogo come pure da località Col del Gallo. Qui è inoltre possibile salire in groppa uno dei cavalli dell'MDRanch Ippoturismo e farsi scorrazzare lungo alcuni fra i sentieri più paesaggistici del territorio. Ma Monte Novegno propone anche alcuni itinerari da percorrere in mountain-bike; contattate i Dolomiti Riders per farvi accompagnare in tutta sicurezza lungo i percorsi da loro preparati.

Quarto giorno (in bicicletta). Iniziate a salire di quota lungo la SP38 che, un chilometro sopra Arsié, propone la Cascata della Borgata Molini. Una volta giunti a Mellame, imboccate la vecchia Strada delle Vigne per qualche centinaio di metri e osservate verso ovest come il bosco si sia ormai impossessato della valle. Ritornate sulla strada principale e continuate a salire fino a Rivai che propone alcune vista panoramiche sul lago anche dalle borgate di Ciaor e Tol , nonché il "Giro del Pra" che guarda verso la Piana di Fonzaso dall'alto delle Pale di Agana. Proseguendo verso monte si possono godere altre panoramiche sul fondovalle, e una volta giunti a Col Perer bisogna scegliere se girare a sinistra per godere delle prospettive da Cima Lan oppure continuare a salire verso quelle di Pramossin e Cima Campo. Questo è il luogo ideale dove passeggiare interamente immersi nella natura, oppure si può spiccare il volo a bordo del proprio parapendio o deltaplano. In autunno si possono raccogliere funghi rispettando le leggi in vigore, mentre d'inverno i boschi di Celado e Cima Campo diventano una manna per chi ama camminare con le ciaspole ai piedi, tanto che è qui che ha luogo la CiaspaForte…Leone.

Quinto giorno (in kayak o gommone). Trascorrete un altro giorno in zona concedendovi del sano divertimento a bordo di un gommone o di un kayak lungo il Fiume Brenta. Valstagna si trova ad appena 15 minuti d'auto da Arsié, ed è lì che potete noleggiare il mezzo che più si adatta alla vostra sete di avventura nel mezzo della natura.

Cerca nel Sito