ArrampicataPercorrendo la SS47 Valsugana si capisce immediatamente che ci si trova in un luogo perfetto per praticare l'arrampicata. Decine di falesie e centinaia di vie soddisfano tutti i gusti di chi ama la roccia e l'arrampicata in tutte le sue forme, dall'alpinismo al boulder.

La palestra di roccia di Cismon del Grappa, infatti, è una delle più frequentate e qualificate palestre del Veneto, è adatta per esercitazioni ed allenamenti. Fondata nel 1976, annovera oltre un centinaio di vie che vanno dalla Val dei Ponti fino a Primolano. Essa comprende, a sud di Cismon, anche le pareti del Sasso Rosso nel comune di Valstagna e si estende verso nord fino a Località Martincelli nel comune di Grigno, per una lunghezza complessiva di circa 18 chilometri.

In questa zona, l'arrampicata si pratica tutto l'anno, partendo dal 4° livello di difficoltà. La chiodatura è quella dei primi salitori, e il rientro è dato da sentieri che in pochi minuti riconducono alla base. Tra le varie pareti si segnalano Col del Molton, Gusella, Parete del Covolo di Butistone e le Pareti di Primolano.

Una validissima alternativa è la Valle di Schievenin, tra Quero e Alano di Piave, nel Basso Feltrino, una stupenda valle che con i suoi molteplici settori di arrampicata offre la possibilità di praticare questo sport immersi nella vegetazione. I periodi consigliati sono la primavera e l'autunno, ma ci si arrampica tutto l'anno.

Tornando al territorio comunale, invece, una palestra di roccia è presente lungo il sentiero che da Incino conduce a San Vito, e tale luogo è fra l'altro particolarmente poco conosciuto e paesaggisticamente molto valido.

Cerca nel Sito