Di seguito proponiamo una selezione di detti locali con la relativa tradizione. A volte i detti cambiano di frazione in frazione, ognuna delle quali apporta le proprie varianti di termini, accenti e intonazioni. Ovviamente la traduzione che forniamo è solo letterale, poiché si tratta di metafore che lasciamo interpretare ai lettori e che ben si adattano a tante situazioni di ogni giorno. 

Molti detti sono stati tratti dai Calendari dell'Auser - Sezione di Arsié. Se qualcuno fosse a conoscenza di altre massime, è invitato ad inviarle all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e noi provvederemo a pubblicarle.

 

METEO

Se uno 'l é al quèrt co piòu, 'l é baùco se 'l se mòu
(Chi è al coperto quando piove, è sciocco a spostarsi da lì)

'L temp e i siòri i fa sempre quel che i vol lòri
(Il tempo e i ricchi fanno sempre ciò che vogliono)

 

VITA DI COPPIA

Co la é éntro de la pòrta, te tòca tégnertela, dréta o stòrta
(Quando ti è entrata in casa, ti tocca tenertela, che ti vada bene oppure no)

'L moròs 'l à da èser san e che 'l sève guadagnàrse 'l pan
(Il fidanzato dev’essere sano e deve sapersi guadagnare il pane)

Dòpo i confèti se ved i difèti
(Dopo i confetti si vedono i difetti)

Na dòna la fa par una, dòi le cònta poc, tre no le fa gnént
(Una donna fa per una, due contano poco, tre non fanno niente)

El amòr senza barùfa 'l fa la mùfa
(L’amore senza litigi fa la muffa)

Co i cavì i trà 'l bianchìn, làsa la dona e tiente 'l vin
(Quando i capelli diventano bianchi, lascia la donna e tieniti il vino)

I se à maridà in tre
(Si sono sposati in tre…)

'Na tòsa l'é ben maridàva se no l'à ne madòna ne cugnàva
(Una ragazza è ben sposata se non ha né suocera né cognata)

 

PRETI E RELIGIONE

A rìva in dò, tùti i sànti iùta
(Tutti i Santi aiutano finché si va in discesa)

Se no la scòta, fa de mànco de sufiàrghe su
(Se non scotta, non serve soffiarci sopra)

‘N dì o l'àltro 'l signòr 'l ne mòla do 'l quercio
(Un giorno o l’altro il Signore ci lancia giù il coperchio)

L'om che no à religiòn l'é come 'n animal senza paròn
(L’uomo senza religione è come un animale senza padrone)

'N prète co la perpètua 'l sa pì de doi prèti
(Un prete con la perpetua sa più di due preti)

I prèti e i siòri, la lège i se la fa lòri
(I preti e i ricchi si fanno le leggi da soli

Le oraziòn de cavezàl no le fa ne ben ne mal
(Le preghiere al capezzale non fanno né bene né male)

Co 'l miràcol 'l é fat, 'l sànto 'l é 'ndàt
(Quando il miracolo è fatto, del Santo non ci si ricorda più)

Se 'l signòr 'l sàra la finestra, prima o dopo 'l vèrd la porta
(Se Dio chiude la finestra, prima o poi apre la porta)

Prète, dotòr e comàre, bisògna lasàrli stàre
(Prete, dottore e comare, bisogna lasciarli stare)

'L signòr 'l ghe mànda le zuche a quei che no i à i porzèi
(Dio dà le zucche a chi non ha i maiali)

'L'altissimo de sòra 'l ne mànda la temèsta, 'l altissimo de sot 'l se màgna quel che resta, in mèdo a sti dòi altissimi noi son sémpre poverissimi
(L’altissimo dei Cieli ci manda la tempesta, L’altissimo degli inferi si mangia ciò che resta, e noi nel mezzo restiamo sempre poverissimi.

Pecà confesà, med perdonà
(Peccato confessato, mezzo perdonato)

Se dìo no 'l vol, i sànti no i pol
(Se Dio non vuole, i Santi non ci possono far niente)

Se la iustìzia no 'l la fa 'l pretàr, tardi o bonòra 'l la fa 'l signòr
(Se la legge non fa giustizia, prima o poi la farà il Signore)

'L amòr e la fede in te i fàti se i véde
(L’amore e la fede si dimostrano con i fatti)

In césa tùti rent al pràte no i pol star
(In chiesa, non possono stare tutti vicino al prete)

'Ndar a Roma e no vedér 'l Pàpa la é 'na gìta ziàpa
(Andare a Roma e non vedere il Papa è una gita… incompleta)

Siòn quadò par tribulàr; 'l paradìso 'l vién dopo
(Siamo qui per tribulare; il paradiso viene in seguito)

Me domando se 'l signòr 'l sa che son al mondo
(Come dire, “Ma perché capitano tutte a me?”)

Co mor 'n pàpa i gh'en fa n'altro, co mor 'n re i gh'en fa tre
(Quando muore un Papa se ne fa un altro; quando muore un politico ne fanno tre di nuovi)

L'é sempre de stroz come 'l porc de sant'antòni
(E’ sempre a zonzo come il maiale di Sant’Antonio)

Par la compagnìa se à maridà ànca 'n fràte
(Perfino un frate si è sposato pur di stare in compagnia di qualcuno)

 

GIUDIZI, COMMENTI E INSULTI

L'é pèdo de Bartoldo ch'el mostràva 'l cul pa'n soldo
(E’ peggio di Bartoldo che mostrava il sedere per un soldo)

Fàte sot e fàte avànti, che baùchi ghe n'é tànti
(Fatti sotto, fatti avanti; di sciocchi ce ne sono tanti)

Se ved el capèl, ma no se ved 'l zervèl
(Gli si vede il cappello, ma non il cervello)

Chi màse se inchìna 'l mòstra el cul
(Chi fa troppo il leccapiedi mostra il sedere)

A quel che no vol far fadìghe, la tèra la ghe da ortìghe
(A chi non vuol far fatica, la terra dia solo ortiche)

 

SALUTE

Dòi de' de vin e 'n tòc de pan i tién 'l dotòr lontàn
(Versione locale e più saporita di “Una mela al giorno toglie il medico di torno”)

'L à i òci pi gràndi de la panza
(Ha gli occhi più grandi della pancia)

Morir dòveni despiàs, ma inveciàr mal l'é pèdo
(Morire giovani dispiace, ma peggio è invecchiare male)

Co gh'é salùte e libertà, se é siòri e no se 'l sa
(Quando si hanno salute e libertà, si è ricchi senza saperlo)

Prìma i ociài e dopo el bastòn, terza la gòba e quarto el cassòn
(Le fasi della vecchiaia: prima gli occhiali, poi il bastone, terza la gobba e quarta la cassa da morto)

Rispèta i vèci par la so età, parché no se sa se tì ti rivi là
(Rispetta i vecchi per la loro età, perché non sai se anche tu arriverai fin lì) 

 

CIBO

Co no ghé farìna in tel casòn, gh'é 'l diàol in tel cantòn
(Come dire, “Se non c’è niente da mangiare, la fine è vicina”)

Puìna, puìna! Pì che se gh'en màgna e mànco se camìna
(Ricotta, ricotta… più se ne mangia, e meno si cammina)

Parché i sìe bòni i laòri, àqua ai matòni e vin ai muradòri
(Affinché i lavori siano fatti bene, dai acqua ai mattoni e vino ai muratori)

A tòla e a lèto no gh'é rispèto
(A tavola e a letto non c’è rispetto)

Màgna quel che ti è e tàsi su quel che ti sé
(Mangia quello che hai e non dire ciò che sai)

'L é come méterghe 'n toc de lardo in tel cul de 'n porc gràs
(E’ come mettere un pezzo di lardo nel culo di un maiale grasso)

Mài contàr i òvi prima che i sìe in tel gnèr
(Mai contare le uova prima che siano nel nido)

Dio no 'l met al mondo na formighéta se no 'l ghe manda la so fregoleta
(Dio non mette al mondo una formica senza darle una briciola di pane)

Magnàr e smorosàr, basta scominziar
(Mangiare e amoreggiare, basta incominciare)

Que che l'é rent a la cusìna 'l màgna la menèstra calda
(Chi è vicino alla cucina mangia la minestra calda)

'L ùltimo gòto 'l é quel che inciòca
(E’ l’ultimo bicchiere quello che ubriaca)

Chi laòra màgna; chi no laòra màgna e beve
(Chi lavora, mangia; chi non lavora, mangia e beve)

A l'ostarìa no vào, ma co ghe son ghe stào
(Non vado per osterie, ma se sono lì, ci resto!)

Chi de séra no zena, tùta la not 'l se reména
(Chi non cena la sera, si gira tutta la notte)

'L poarét 'l màgna càrne solche se 'l se mòrd la léngua
(Il poveraccio mangia carne solo se si morde la lingua)

'L can de sète paròni 'l é mot de fam
(Il cane di sette padroni morì di fame)

'N garnél de péver 'l é cèo, ma 'l bèca
(Un cucchiaino di pepe è piccolo, ma pizzica!)

Quel che à schèi in màn, da partùt el càta pan
(Chi ha soldi in mano, trova da mangiare ovunque)

'L capòn 'l é bon in ogni staiòn
(Il cappone è buono ad ogni stagione)

Par quei che a fiòi, tùti i bocòni no i é sòi
(Come dire, “Chi ha figli, dà loro tutto il proprio cibo”)

 

VARIE

La mort no la domanda mài parméso
(La morte non chiede permesso)

'L piòto, 'l gòto e 'l bocàl de vin i mor cantando
(Come dire: Il pasto deve finire candando)

Tant ròbelo quel che va su come quel che ghe tién la scala
(Come dire: Rubano sia il ladro che chi gli fa da palo)

'L vin bon e l'om brào i dura poc
(Il vino buono e l’uomo perbene durano poco)

Se polàstro no ghe n'é, l'é bòne ànca le zàte
(Se non c’è pollo, sono buone pure le zampe)

A gh'é pì dì che luàneghe
(Ci sono più giorni che salsicce)

I é tuti boni, ma guài a tocàrghe le scarsèle
(Tutti sono buoni, finché non gli tocchi il portafoglio)

Chi che vol contentàr tùti no 'l contenta ghisùni
(Chi vuole accontentare tutti, non accontenta nessuno)

Bòte e schèi no i torna indrìo
(Botte e soldi non tornano indietro)

Mìli pensieri no i pàga 'n dèbito
(Mille pensieri non pagano un debito)

Chi à cùlo càta el schègn
(Letteralmente, Chi ha culo trova la seggiola)

Come vàla? Co 'n bò e 'na cavàla e gnànca un che tira
(Come va? Ho un bue e una cavalla, e nessuno dei due tira)

'L pas pì long de la gàmba 'l sbréga le braghe
(Il passo più lungo della gamba strappa i calzoni)

Un a la òlta, la mort la ne scòa vìa tùti
(La morte ci spazza via, uno dopo l’altro)

Se la mèrda l'avése valòr, 'l poarét 'l nasarìa senza cul
(Se la merda valesse qualcosa, il poveraccio nascerebbe senza culo)

La càvra che sbarèga la perd 'l bocòn
(La capra che urla perde il boccone di bocca)

Co àqua e ciàcole no se impàsta frìtole
(Come dire, “Basta chiacchierare e iniziate a lavorare!)

Ognùn sa quel che bòi in te la so pignàta
(Ognuno sa quel che bolle nella propria pentola)

Par dir busìe ghe vol bòna memòria
(Per dire bugie ci vuole buona memoria)

I òmi in tuti fa progrèsi, ma pochét in se stési
(Versione locale di “L’unione fa la forza”)

‘N alt e 'n bas i fa 'n gualìu
(Un alto e un basso fanno un medio)

'Na desgràzia a 'n desgrazià, poc mal ghe fa
(Poco male fa una disgrazia che capita a un disgraziato)

A robàr poc se va in galèra, a robar tant se fa cariéra
(Rubando poco si va in galera, rubando tanto si fa carriera)

‘N bon avocàto 'l fa pasàr el can par gato
(Un buon avvocato fa passare un cane per un gatto)

El mondo 'l é fat a scarpéte, chi se le càva e chi se le méte
(Versione locale di “L’amore è fatto a scale; c’è chi scende e c’è chi sale”)

Se in casa gh'é tose inamoràe, no sta tégner le porte saràe
(Non tener le porte chiuse se in casa ci sono delle ragazze innamorate)

El amòr l’é potente, ma 'l schèo 'l é onipotente
(L’amore è potente, ma il denaro è onnipotente)

Val de pì 'n musàt che tira, che zento che ghe va drìo
(Vale più un asino che tira che cento che gli stanno dietro)

De not, tùte le vàche le é negre
(Di notte, tutte le vacche sono nere)

La ùa bòna l'é sempre inte quel dei altri
(Versione locale di “L’erba del vicino è sempre più verde)

'L can scotà 'l a paùra ànca de l'aqua fréda
(Il cane che si è scottato ha paura anche dell’acqua fredda)

'L sospèto e l'avarizia i fa finir l'amicizia
(Il sospetto e l’avarizia fanno finire l’amicizia)

Le abitudini màsa stréte le é còme le manéte
(Le abitudini troppo strette sono come le manette)

Piòva de istà, beàti chi ghe l'à
(Pioggia d’estate, beato chi ce l’ha)

Co i tempi i é brùti, la va mal par tùti
(In tempo di crisi, va male per tutti)

'L caldo del nizòl no 'l fa bòier la pignàta
(Il caldo delle lenzuola non fa bollire la pentola)

El muliner 'l é sempre spòrc de farìna
(Il mugnaio è sempre sporco di farina)

El avaro 'l é come 'l porc; 'l é bon sòlche dopo mort
(L’avaro è come il maiale: è buono solo dopo morto)

Chi te lòda in presenza, te bastòna in asenza
(Chi ti loda in tua presenza, ti bastona in tua assenza)

Siòri e poténti no i é mài conténti
(Ricchi potenti non sono mai contenti)

Quel ch'el sa lecàr ben, el sa mòrder co ghe convién
(Chi sa leccare bene, sa mordere quando gli conviene)

A vardàr la lùna se càie in tel fòs
(A forza di guardar la luna si va a finire nel fosso)

Se ti si sémpre stat ben, no ti pol capìr quel che sta mal
(Chi è sempre stato bene, non può capire chi sta male)

Co se baràta, uno se rid e l'altro se gràta
(Quando si fanno affari, uno ride e l’altro si gratta)

Vàrdate da le santarèle parché le é fùrbe e le gh'en fa de bèle
(Guardati dalle santarelline perché sono furbe e ne fanno delle belle)

Mài fasàrse 'l de' prìma de fàrse mal
(Versione locale di “Mai fasciarsi la testa prima di essersela rotta”)

Bàsta tiràr 'n fil sol par desfàr 'l nizol
(Basta tirare un solo filo per disfare il lenzuolo)

Co squàra, mètro e piòmbo, se gìra tut el mondo
(Se hai squadra, metro e piombo, puoi girare tutto il mondo)

 

 

Cerca nel Sito